le opere

La casa di Tacubaya

Tipo: romanzo
Lingua: italiano
Anno: 1982
Editore: Editoriale Nuova
Luogo: Milano
Commenti: Destruido. Sobre Devotos de Krishna

Descrizione:

Dal risvolto dell'edizione italiana.

Un tormentato itinerario religioso attraverso il cattolicesimo, l'ebraismo e ora l'induismo è la linea sottile che corre nelle pagine di questo monologo narrativo, scandito in versetti: autobiografia spirituale, che è a un tempo rivisitazione delle "care memorie" familiari sullo sfondo della megalopoli messicana, dove lo scrittore vive da decenni. La Casa di Tacubaya è il centro degli Hare Krishna a Città del Messico, dove il protagonista approda dopo aver letto un opuscolo che un gruppo di ragazzi con la testa rapata e le vesti orientali color zafferano gli hanno venduto all'angolo di una strada. E qui, finalmente, trova la risposta a una domanda che lo ha accompagnato angosciosamente nella sua "Cerca": come si può conciliare il dolore che colpisce anche esseri innocenti con l'infinita bontà di Dio? In una scrittura concitata, che accumula autoanalisi e meditazione, riflessione teologica e illuminazione mistica, cronaca quotidiana e rievocazione del tempo ritrovato, Coccioli tenta disperatamente di penetrare nei territori del Mistero, coniugando Oriente e Occidente, Monoteismo e "Politeismo", abbracciando i raggi della Grande Ruota, che convergono tutti nel centro immobile e unificante. La Casa di Tacubaya, che non ha riscontro in altre opere della nostra letteratura, diventa Romanzo della Conoscenza nella nostra epoca post-moderna.

270 pagine


Download:

Carlo Coccioli, La casa di Tacubaya. Prime pagine (34.82 Kb)
Carlo Coccioli, La Casa di Tacubaya. Prologo (25.34 Kb)




Nessun'altra edizione disponibile